Conoscere la verità è così importante?

Spesso si pone il problema se per un avvocato penalista  se sia necessario conoscere la verità dei fatti.

Capita spesso che il proprio assistito quando si presenta in studio non sempre riferisce la verità su come siano andati realmente i fatti; non sempre l’indagato o l’imputato riferisce al proprio avvocato di essere colpevole pur chiedendo nel contempo di essere difeso.

Sicuramente per un avvocato penalista conoscere la verità dal proprio cliente non ha alcuna importanza, anzi potrebbe diventare addirittura dannoso, perché la verità processuale è in realtà diversa dalla verità storica dei fatti.

Ne consegue che la verità nel processo, ciò che emerge  in dibattimento in base alle carte processuali, non è mai una verità assoluta, ma una verità probabilistica.

Avv. Sebastiano Desogus

Revisione artt. 629 e ss C.P.P.

Revisione artt. 629 e ss C.P.P.

La revisione è quella impugnazione straordinaria che ha per oggetto una sentenza di condanna divenuta irrevocabile.
La sentenza irrevocabile si presume “vera”; pertanto, per sostenerne l’ingiustizia bisogna dimostrarne l’erroneità magari con nuove prove che non erano disponibili nel momento in cui è stata pronunciata la sentenza , ma rivenute solo successivamente.
In sostanza il presupposto necessario per la revisione è la necessità di una prova “nuova” che non sia presa in considerazione dal giudice che abbia emesso la sentenza.
Il giudice della revisione è la Corte di Appello anche se il giudicato si è formato presso la Corte di Assise.
La revisione può essere richiesta:
1. Se i fatti stabiliti a fondamento della sentenza di condanna o del decreto penale di condanna non possono conciliarsi con quelli stabiliti in un’altra sentenza penale di condanna divenuta irrevocabile;
2. Se la sentenza o il decreto penale di condanna hanno  ritenuto sussistente il reato a carico del condannato a seguito di una sentenza del giudice civile o amministrativo, successivamente revocata e passata in giudicato;
3. Se dopo la sentenza di condanna siano sopravenute o si scoprano nuove prove che, sole o congiunte a quelle già valutate dimostrino che il condannato dev’essere prosciolto;
4. Qualora si dimostri che la sentenza veniva pronunciata a seguito di falsità in atti o in giudizio, si pensi alla falsa testimonianza.

La legge n.103/2017 ha introdotto l’art. 629 bis C.P.P. che prevede la rescissione del giudicato: il condannato o il sottoposto a misura di sicurezza con sentenza passata in giudicato, nei cui confronti si sia proceduto in sua assenza per tutta la durata del processo, potrà ottenere la rescissione del giudicato qualora riesca a provare che la sua assenza è stata dovuta ad una incolpevole  mancata conoscenza della celebrazione del processo.
Il ricorso per revisione deve contenere elementi tali da dimostrare che il condannato doveva essere prosciolto.
Avv. Sebastiano Desogus

Amministrazione di sostegno anche per chi fa debiti

Amministrazione di sostegno anche per chi fa debiti

L’ Amministrazione di sostegno può essere richiesto anche per chi fa debiti continuamente  per il “gratta e vinci”.
E’ quanto ha stabilito la Corte di Cassazione con la  Sentenza del  7 marzo 2018 n. 5492.
Si tratta di  “prodigalità” da parte di chi spende cifre eccesive rispetto alle proprie disponibilità economiche come ad esempio un “caffè” ma acquista  continuamente dei “gratta e vinci”, pur escludendo specifiche malattie.

Nuovo sito Studio Legale Desogus

Nuovo sito Studio Legale Desogus

E’ con grande piacere che Vi presentiamo il nuovo sito web www.studiolegaledesogus.it, con contenuti chiari ed esaustivi sul proprio operato, offrendo agli utenti la possibilità di richiedere informazioni su soluzioni specifiche e personalizzate. Per questo abbiamo deciso di puntare su una navigazione semplice e intuitiva.
Per un contatto diretto potete scriverci attraverso l’apposito form di contatti.
La semplicità è efficienza.
Buona navigazione!
Studio Legale Desogus